La cintura nera Nicolas Cage era 'un artista consumato' nel Jiu Jitsu

Google la storia del jiu jitsu e non troverai un'origine definitiva. Nella storia documentata, i suoi inizi hanno avuto origine nel Giappone feudale come combattimento disarmato dei samurai. Ma prima? Nessuno sa con certezza da dove venga il jiu jitsu.



Potrebbe essere la Corea. Potrebbe essere l'India. Potrebbero essere ... alieni?

Almeno, questo è ciò che Dimitri Logothetis, un regista con cinture nere in discipline come Tang Soo Do e Kempo, vorrebbe farti credere.



Ha migliaia di anni, racconta Logothetis Inverso . Con quello sfondo nebuloso, ho pensato che sarebbe stato perfetto dire che ci è stato consegnato da un alieno. Era qualcosa che pensavo avrebbe funzionato.



Nelle sale il 20 novembre Jiu Jitsu è un nuovo film d'azione di fantascienza basato sul fumetto di Logothetis del 2017. Il film è interpretato da Alain Moussi ( Kickboxer: Vengeance ) nei panni di Jake Barnes, un maestro di arti marziali amnesico che deve confrontarsi con un potente alieno per proteggere la Terra. A sostenere Jake c'è un antico ordine di maestri di jiu jitsu per aiutarlo a ritrovare la memoria, con attori come Frank Grillo ( Captain America: The Winter Soldier ), JuJu Chan ( Tigre chinata Dragone nascosto ), Tony Jaa ( Il protettore ) e ... Nicolas Cage.

Sì, quella Nicolas Cage, che potresti essere sorpreso di sapere ha una cintura nera nel jiu jitsu. La leggenda dello schermo ha studiato arti marziali per anni sotto la guida del re dello sport, Royce Gracie. Quell'esperienza si è rivelata utile per il ruolo di Cage nei panni dell'eccentrico saggio, Wyilie, che distribuisce l'esposizione del film e si lancia in due delle migliori scene di combattimento.

Nicolas Cage e Alain Moussi in 'Jiu Jitsu.' The Avenue



È un artista consumato, dice Logothetis di Cage. Ha trascorso molti anni ad allenarsi e si mantiene in buona forma. Per me integrarlo con la mia squadra di stuntman è molto facile. Ha subito voluto lavorare con la squadra e entrare subito nella fisicità.

Girato e filmato in un programma serrato di un mese a Cipro (a una temperatura di 104 gradi), Logothetis aveva molte preoccupazioni sulla sicurezza del suo equipaggio, Cage incluso.

Dovevo stare attento a non lasciarlo ferire, dice. Ha finito per fare lui stesso un sacco di (sue) sequenze di arti marziali. L'ho raddoppiato solo nelle zone in cui pensavo si sarebbe fatto male. Alla fine, Cage ha eseguito personalmente circa l'80% delle sue acrobazie.



Non tutte le arti marziali in Jiu Jitsu sono, beh, jiu jitsu. In pratica, la coreografia di combattimento di un intero film non può essere tutta presa e sottomissione: una distinzione del jiu jitsu che lo distingue dalle altre arti marziali basate sugli scioperi.

Tony Jaa recita anche in 'Jiu Jitsu', The Avenue

Alla fine della giornata stiamo realizzando qualcosa di cinematografico, dice Logothetis. Se dovessi continuare a lottare, non credo che avresti il ​​tipo di cinema di arti marziali che offrono questi ragazzi.

Quel margine di manovra è tornato utile quando Logothetis e la sua troupe hanno realizzato un'impresa insolita nel cinema d'azione: la prospettiva in prima persona. Paragonandolo a un videogioco, Logothetis trasporta brevemente il pubblico negli occhi di Jake Barnes, consentendo agli spettatori di sentire come un maestro di arti marziali.

Il cinema in prima persona non è una nuova invenzione. Il film d'azione del 2015 Hardcore Henry è stato girato interamente da una visuale in prima persona e ci sono stati altri casi di riprese in prima persona nei film. In effetti, Logothetis dice di essersi ispirato al film di Clint Eastwood del 1978 Ovunque ma sciolto , che utilizzava una prospettiva in prima persona nelle sue scene di boxe a mani nude.

Penso che sia stata la prima volta che qualcuno ha preso a pugni l'obiettivo di una fotocamera, ricorda Logothetis. Era in queste sequenze di combattimento, improvvisamente vedi persone che combattono contro la telecamera e la telecamera reagiva. Ricordo di aver guardato da bambino e ho pensato, Wow, sarebbe bello farlo . Invece di agili e minuscole videocamere GoPro, Logothetis utilizzava videocamere Arriflex smontate che pesavano circa sedici libbre, il che rendeva le riprese la propria sfida.

Nicolas Cage e il regista Dimitri Logothetis in 'Jiu Jitsu.' The Avenue

Logothetis afferma che la popolarità dei videogiochi ha reso la sua visione più facile da comunicare. Si spera che il pubblico lo guarderà come un videogioco, almeno lo ha fatto nei provini, dice. Puoi vedere quanto sono complicate le sequenze di combattimento.

Ora un film con Nicolas Cage, Jiu Jitsu iniziò la vita come un fumetto. Scritta in collaborazione con il partner di sceneggiatura Jim McGrath, la storia ha raccontato una storia completamente diversa da quella di cui sono testimoni gli spettatori. Nel fumetto, la trama segue un allenatore di wrestling del college e un veterano del combattimento che inconsapevolmente possiede una padronanza delle arti marziali. Logothetis dice che il fumetto ha gettato le basi per il remix del film.

Ho fatto il fumetto perché volevo esporre la mitologia dietro il jiu jitsu, dice il regista. Il fumetto è un pezzo di storia breve, ho deciso di perdere dei pezzi nel fumetto che non si sarebbero prestati al film. Tuttavia, la mitologia c'è.

Ha resettato la sua storia lontano da una sonnolenta città universitaria e nei templi della Birmania, l'ambientazione perfetta per la bizzarra teoria scientifica a danno di Jiu Jitsu .

Nella Valle dei Templi di Bagan ci sono geroglifici e dipinti vecchi di migliaia di anni sul muro, dice. Ciò mostra la genesi di come l'alieno abbia portato le arti marziali all'umanità.

Jiu Jitsu uscirà nelle sale, On Demand e Digital HD il 20 novembre.