Il regista horror canadese Jay Baruchel vuole che tu abbia paura dell'America

Jay Baruchel è meglio conosciuto per essere apparso nelle commedie di Judd Apatow e per aver dato la voce al personaggio principale del film Come addestrare il tuo drago film, ma in fondo è sempre stato un appassionato di film di paura.



Nel caso in cui il suo breve periodo in Hai paura del buio non lo ha chiarito, il secondo film di Baruchel dietro la macchina da presa dovrebbe confermare le sue radici horror. Con Atti di violenza casuali , l'attore canadese aggiunge il suo marchio al genere, il tutto mentre punta gli Stati Uniti come fonte delle sue peggiori paure.

Ci stavo provando trigger tra il pubblico il sensazione di essere un canadese che attraversa quel confine meridionale.

Intrecciati nella storia di un gruppo di canadesi che si avventurano a sud sono evidenti scavi sullo sfruttamento dei serial killer e sulla cultura della violenza in America, come racconta Baruchel Inverso non è una coincidenza. Come Atti di violenza casuali continua, la violenza sembra aumentare man mano che i personaggi si allontanano dal Canada



Stavo cercando di suscitare nel pubblico la sensazione di essere un canadese che attraversa quel confine meridionale, dice. Immediatamente senti i gomiti più affilati e le spalle più affilate. Sai subito che giocano secondo regole diverse.



Baruchel sapeva di voler fare film a nove anni e, a 12, sua madre lo ha incoraggiato a dedicarsi alla recitazione a tempo pieno. Un adolescente dalla testa calda, quando ha iniziato a lavorare in California, sua madre gli ricordava spesso di mantenere la calma.

Diceva sempre: 'Stai attento. Stai attento. Stai attento. Non sei in Canada, hanno le pistole laggiù '. Baruchel ricorda, E come le pistole sono un fottuto pezzo, un tentacolo penso, ma c'è qualcosa nel mito dell'origine di quel particolare paese. Penso che quando Bowie ha pubblicato quella canzone 'I'm Afraid of Americans', ha detto tutto.

Da sinistra a destra: Jordana Brewster, Jesse Williams, Jay Baruchel, Niamh Wilson



Quando Baruchel era più giovane, lui e il suo compagno di sceneggiatura Jesse Chabot giravano film dell'orrore con gli amici nei fine settimana. Ogni anno partecipavano al grande festival di genere di Montreal, Fantasia, di cui il suo direttore della fotografia, Karim Hussain, era un co-fondatore.

Quasi 10 anni dopo che il progetto iniziale è caduto nei loro grembi, sono finalmente tornati al punto di partenza con il loro primo progetto horror collaborativo con Random Acts of Violence.

Il finanziamento del film lo è bizantino e esasperante e qualsiasi film che non sia Harry Potter o Star Wars o Marvel è un fottuto miracolo.

È successo ora perché ci sono voluti 8 anni per trovare finalmente le persone che hanno visto la cosa che abbiamo visto nel modo in cui l'abbiamo vista. disse Baruchel. La finanza cinematografica è bizantina ed esasperante e qualsiasi film che non sia Harry Potter o Star Wars o Marvel è un fottuto miracolo che probabilmente ha dovuto morire un mucchio di morti prima che accadesse finalmente e non posso sottolinearlo abbastanza.



Adattato dalla graphic novel omonima di Justin Gray e Jimmy Palmiotti, Atti di violenza casuali segue Todd, il creatore di serie di fumetti di successo, mentre lotta con il blocco dello scrittore. La sua serie più apprezzata, Slasherman, ha bisogno di un finale e si ritrova incapace di trovare qualcosa che possa rendere giustizia alla storia. In cerca di ispirazione, decide di intraprendere un viaggio attraverso i vecchi terreni calpestati del serial killer I-90 che ha ispirato il suo fumetto. Mentre viaggiano con il suo equipaggio - un insieme che include Baruchel come il suo editore, Ezra - sono seguiti da una serie di omicidi che imitano le uccisioni violente e sanguinose della serie a fumetti.

Questo meta film può essere goduto sia come film slasher di valore nominale che come commento sulla responsabilità dei creatori e sul potenziale di fandom tossico. Atti di violenza casuali serve come avvertimento per gli artisti di essere cauti su ciò che scelgono di creare e su come la loro arte può essere interpretata dal loro pubblico.

Baruchel dirige 'Random Acts of Violence'

Baruchel e Chabot hanno anche preso la decisione di eliminare parte del linguaggio più pesante presentato nel fumetto originale.

Fa parte dell'intero processo complessivo di prendere il fumetto e sapere che questo documento, questa sceneggiatura che stiamo creando che si spera diventi un film, alla fine deve essere il suo stesso organismo, dice. Il fumetto e la sceneggiatura sono i genitori del film.

Atti di violenza casuali non è per i deboli di cuore. Il primo atto violento è estremamente pugnalato, persino frenetico. Per Baruchel, era importante che la sua coreografia horror non assomigliasse a mosse di combattimento. Non voleva che accadesse nulla nel film che non sarebbe realmente accaduto nella vita reale.

Avevamo sicuramente un soffitto, dice, ma il nostro soffitto non era un soffitto di violenza o brutalità, era un soffitto della realtà.

Atti di violenza casuali è in streaming ora su Amazon.