Come il regista di 'Monster Hunter' Paul W.S. Anderson ha masterizzato il film del videogioco

Paul W.S. Anderson non sta scherzando.



Come praticamente tutti i precedenti sforzi di funzionalità del noto stilista di action pulp, Cacciatore di mostri (ora nei cinema) offre in anticipo i piaceri magri e senza pretese promessi dalla sua premessa. Nei primi 20 minuti dell'ultimo adattamento da videogioco a film del regista, vediamo un reggimento militare d'élite guidato dal capitano Natalie Artemis (Milla Jovovich) ottenere ...

  • Inghiottito da una tempesta di sabbia ultraterrena solcata da fulmini blu.
  • Ambientato in un deserto sconosciuto pieno di giganteschi mostri di dieci piani.
  • Inseguito da Diablos con due corna che si nasconde sotto la sabbia.
  • Sedato e intrappolato da Nerscylla simile a un ragno e intrappolato in un labirinto sotterraneo.

Questo film ha una sensazione di treno espresso, dice Anderson Inverso , parlando tramite Zoom insieme a sua moglie e attore protagonista Jovovich.



Sta descrivendo Cacciatore di mostri , ma potrebbe anche parlare di uno dei film che hanno reso Anderson e Jovovich uno dei duetti di maggior successo e più fraintesi della Hollywood moderna.



Milla Jovovich e Paul W.S. Anderson sul set di Resident Evil Extinction. Rolf Konow / Sygma / Getty Images

Un adattamento di Capcom altro serie di videogiochi molto popolare, quella che non lo è Cattivo ospite , che Anderson aveva precedentemente progettato in un franchise di sei film, interpretato anche da Jovovich, per un importo di $ 1,2 miliardi - Cacciatore di mostri trova Anderson di nuovo in coppia con il suo moglie di 11 anni per il tipo di spettacolo inesorabilmente massimalista ma orientato economicamente che ha portato molti a salutarli come i sovrani regnanti dell'adattamento del videogioco.

Sono passati 25 anni dal primo film del genere di Anderson, 1995 Combattimento mortale , è uscito nei cinema e ha ottenuto il primo posto al botteghino estivo , rimanendovi tre settimane. E con Cattivo ospite improbabile che venga detronizzato in qualsiasi momento non appena il serie di film con il maggior incasso basato su un videogioco, Anderson ha consolidato il suo status di maestro di questo sottogenere tipicamente poco raccomandabile.



Qual è il segreto del suo successo? In un campo dominato da bombe al botteghino severamente recensite, gli adattamenti dei videogiochi di Anderson si distinguono come successi commerciali costanti che, sebbene in gran parte respinti al momento della loro uscita iniziale, hanno goduto di una recente rivalutazione critica.

Guidati dal suo acuto occhio compositivo, i film di Anderson, compresi quelli non basati sui videogiochi, come l'horror spaziale Orizzonte degli eventi (1997) e il disastro melodramma Pompei (2014) - sono pieni di attente inquadrature geometriche e sequenze d'azione mozzafiato che si alimentano l'una nell'altra per creare un senso di progressione a livello di gioco.

'Stiamo cercando di fondere l'estetica del videogioco e del cinema.' Sony



Pochi registi d'azione possono creare film che si muovono in modo simile a quello di Anderson, il cui dono di mappare in modo pulito e inventivo gli spazi visivi, dai corridoi con trappole esplosive alle piramidi sotterranee, è completato dal dinamismo diabolico con cui manda i suoi personaggi a correre. , saltando e rotolando attraverso di loro - spesso inseguiti da mostruosi avversari o burattinai invisibili.

Discutendo il divario tra videogiochi e film su cui il suo corpo di lavoro è arroccato in modo acrobatico, Anderson dice che in fondo sono esperienze molto diverse, facendo una distinzione tra investire 100 ore in un videogioco, magari giocando da solo e l'esperienza comune di guardare un film per due ore.

Entrambi hanno punti di forza e di debolezza che puoi prendere e combinare, dice. Anche nello stile di ripresa dei film, cerchiamo di utilizzare una narrazione e una fotocamera da videogioco. Abbiamo sicuramente preso molto dai videogiochi in termini di stile dei film, ma non stiamo solo prendendo parti del videogioco e innestandole sull'estetica del film. Stiamo cercando di fondere l'estetica del videogioco e del cinema.

Questa vertiginosa mescolanza era in mostra in Combattimento mortale , dove i corpi erano centrati, torcendosi e girandosi nei tableaux al rallentatore di Anderson, rispecchiando l'estetica facilmente riconoscibile del gioco. Anche prima Cattivo ospite , Anderson stava incorporando l'estetica dei videogiochi in film come Orizzonte degli eventi , che si restringe mentre scende attraverso la sua navicella spaziale labirintica, e quella del 1998 Soldato , in cui il muto esercito di un solo uomo di Kurt Russell assomiglia all'avatar del pubblico in uno sparatutto a scorrimento laterale.

Anderson alla regia di Jovovich in Cattivo ospite .Rolf Konow / Sygma / Getty Images

Sebbene si avvicini seriamente alla loro esecuzione, c'è una rinfrescante mancanza di ostentazione nelle sequenze d'azione di Anderson; raramente si sofferma su una sequenza abbastanza a lungo da suggerire che sente di aver fatto qualcosa di propriamente artistico. In questo modo, Cattivo ospite e Jovovich sono entrambi perfetti per lo stile del regista: non sentimentale, focalizzato sul laser e costantemente a metà movimento. Proprio come i videogiochi, i film di Anderson presentano elaborati tabelloni di gioco che i suoi personaggi devono manovrare; Le considerazioni spaziali e geografiche hanno la priorità sulla logica della trama o sul peso emotivo.

Nel corso della sua carriera, Anderson ha anche fatto progressi nel settore, utilizzando le proporzioni widescreen del 2004 Alieno contro predatore in avanti e incorporando abilmente il 3D nel suo cinema, anche se altri registi di Hollywood hanno liquidato il formato stereoscopico come poco più che un fastidio imposto dallo studio. (Guardare a Resident Evil: Afterlife Rissa nel bagno tra Alice, Claire Redfield di Ali Larter e un gigantesco Axeman per un esempio particolarmente impeccabile della messa a fuoco profonda di Anderson e della costruzione spaziale che lavora per posizionare lo spettatore praticamente all'interno della sua cornice.)

Se la Cattivo ospite i film erano tutti essenzialmente film di caccia, sebbene quelli che diventavano sempre più sovversivi nel loro approccio alle idee principali della serie di reincarnazione, autonomia e fuga dal controllo aziendale, Cacciatore di mostri è anche questo, ma anche l'equivalente di Anderson di un L'epopea del deserto di David Lean .

Girando in location in Sud Africa e negli aspri deserti della Namibia, a centinaia di miglia dalle città o dai villaggi più vicini, Anderson e la sua troupe vivevano in tende. Hanno sfidato venti forti e temperature torride per completare la fotografia principale del film.

Sono rimasto un po 'deluso da molti grandi film, spiega Anderson della sua decisione di sparare lontano dagli schermi verdi di Hollywood a basso costo. Arrivi al terzo atto e, all'improvviso, quello che era un film live-action sembra trasformarsi in un film d'animazione, dove sai che stai guardando qualcosa di completamente sintetico. Ciò non le impedisce di intrattenere, ma non ti convince davvero e non sembra reale.

un ritorno al cinema vecchio stile

`` Paul lo ha reso così realistico a causa degli incredibili luoghi in cui ci ha portato: così lontani da qualsiasi abitazione umana, così incontaminati dall'uomo. ''

L'ultimo film che Anderson ha girato in esterni è stato Combattimento mortale , quando si è recato in Thailandia e ha girato scene nei templi e nelle spiagge del paese per ottenere l'aspetto miticamente esotico del film. Ho pensato: 'Ah, è fantastico! Questa sarà la mia carriera, andare in tutti questi posti fantastici e fotografare questi paesaggi incredibili ', ricorda. E, naturalmente, non è andata proprio così. Alla fine sono andato in un mucchio di cementifici abbandonati e ho sparato lì dentro, cosa che mi è piaciuta moltissimo! Ma questo film, per me, è stato un ritorno al cinema vecchio stile.

Paul lo ha reso così realistico a causa degli incredibili luoghi in cui ci ha portato: così lontani da qualsiasi abitazione umana, così incontaminati dall'uomo, racconta Jovovich Inverso . Erano ultraterrene; ci sembrava di camminare su un altro pianeta.

Con le loro ampie vedute e le bestie predatrici, le sequenze esterne del deserto di Cacciatore di mostri ricorda quello di Ray Harryhausen Jason e gli Argonauti più di qualsiasi altro film di Anderson da allora Combattimento mortale . Al contrario, le caverne disperatamente buie popolate dai Nerscylla ricordano le sequenze degli incubi elementari evocate dal regista espressionista tedesco Fritz Lang (il regista preferito di Anderson) nel suo film muto Die Niebelungen: Siegfried.

Se sta allegramente aumentando il quoziente di sangue per fare la sua versione Alieno Il famigerato massacro del torace uccide o abbatte le scene d'azione nel tentativo di incanalare la velocità terminale di George Miller, altrettanto bruciato dal sole Mad Max: Fury Road , Le influenze di Anderson sono ovunque Cacciatore di mostri . Ma poi di nuovo, perché non dovrebbero? Più di ogni altro film che ha realizzato, questo trova Anderson in gioco in un vero e proprio sandbox.

Ovviamente, quando scatti in paesaggi enormi, non hai lo stesso senso di claustrofobia, dice. Ma quello che ho cercato di fare è stato mettere le persone in scatole più piccole all'interno di quei paesaggi; è una classica cosa occidentale da fare, tornando a John Ford e I ricercatori dove hai dei paesaggi epici ma la cosa veramente bella è vedere John Wayne uscire da una porta.

Per ottenere questo effetto all'inizio, Anderson si è affidato alla struttura fisica degli Humvee dell'unità militare, dapprima distanziando i personaggi dall'ambiente circostante attraverso i parabrezza e le pistole montate, e successivamente utilizzando angoli contrastanti per racchiuderli all'interno dei veicoli, intrappolati come pesci in un barile. . Ho cercato di alternare i paesaggi veramente vasti con un senso di claustrofobia, aggiunge.

Anche se il film si è basato sulla CGI per creare le bestie torreggianti di Cacciatore di mostri , relativamente poche riprese sono state girate su uno schermo verde, il che significa che Jovovich e gli attori sono stati spinti in situazioni fisicamente faticose quasi ogni giorno.

Paul aveva creato questi cannoni a sabbia che ci avrebbero sparato, dice Jovovich. Per simulare il mostro che corre o calpesta accanto a noi, saremmo stati spazzati via da questo cannone di sabbia con tonnellate di sabbia e saremmo stati letteralmente respinti da esso.

Ho provato un autentico senso di meraviglia quando mi sono immerso in quel mondo per la prima volta. '' Sony

Anderson ha incontrato per la prima volta Cacciatore di mostri più di dieci anni fa, a quel punto l'action RPG di Capcom era relativamente sconosciuto al di fuori del suo nativo Giappone, dove era già un grande successo. Giocando per se stesso mentre viaggiava attraverso il paese, il regista è rimasto colpito Cacciatore di mostri Le immagini dettagliate e la scala epica.

Il regista è rimasto particolarmente colpito dalla creatività con cui ogni creatura in Cacciatore di mostri l'universo era stato concepito, dalle loro peculiari apparenze fisiche agli straordinari habitat che popolano. Centinaia di specie calpestano, volano e saltellano attraverso il Cacciatore di mostri i vasti dintorni del franchise, che a loro volta vanno da giungle lussureggianti a deserti aridi. Ho sentito subito che c'era molto potenziale cinematografico, dice Anderson.

Ho provato un autentico senso di meraviglia quando mi sono immerso in quel mondo per la prima volta. Se qualcuno mi avesse sparato in quel momento, avrei assomigliato a Sam Neill sin dall'inizio Jurassic Park : tutto a bocca aperta ed eccitato.

Molti di Cacciatore di mostri I personaggi di sono stati estratti direttamente dai giochi, tra cui il cacciatore di Tony Jaa (che ha stretto una stretta fedeltà con Artemis per tutto il film), l'ammiraglio gloriosamente crudele di Ron Perlman e una versione fedelmente replicata di The Handler (interpretata da Hirona Yamazaki). I fan del franchise saranno particolarmente gratificati di vedere Meowscular Chef, un civettuolo combattente umanoide felino e una delle figure più amate dei giochi.

Chef Meowscular a Cacciatore di mostri .Sony

Diventare Artemide

La più grande creazione originale è la stessa Artemis, il cui background militare come Ranger dell'esercito degli Stati Uniti conferisce al procedimento un crudo realismo gun-metal. Anderson ha scritto il ruolo pensando a Jovovich. Anche se era scettica sulla transizione dal respingere gli zombi a Cattivo ospite per affrontare i mostri Cacciatore di mostri , la sua insistenza sul fatto che Artemis fosse un vero soldato in carne e ossa fu ciò che alla fine la convinse.

Entrambi i lati della mia famiglia hanno un background militare molto profondo; mia madre è cresciuta come un monello dell'esercito in Russia, e da parte di mio padre c'erano generazioni di storie di guerra, dice Jovovich. Ho sempre scherzato con la mia famiglia sul fatto che, se non fossi diventata un'attrice, sarei entrata nell'esercito.

Riproduzione di una serie di eroine d'azione mortali sullo schermo, da Leeloo in Il quinto elemento ad Alice in Cattivo ospite , Jovovich ha sostanzialmente diviso la differenza. Soprattutto grazie alla collaborazione con Anderson, l'attrice è stata elevata a un simbolo identificabile a livello globale di carismatico calcio in culo, i suoi lineamenti taglienti e il suo bagliore intenso sono un abbinamento naturale per personaggi la cui grazia balletica e la fisicità instancabile definiscono il personaggio più di qualsiasi barlume di retroscena.

Milla Jovovich in Cacciatore di mostri .Sony

Se la Cattivo ospite serie può essere letta come una metafora estesa per la liberazione di una donna attraverso la continua resistenza e la scoperta di sé, come alcuni hanno suggerito, gran parte del merito è dovuto alla performance di Jovovich: altamente atletico, sì, ma anche stancamente determinato, a dispetto di la sua realtà mutevole, spesso surreale.

Jovovich non aveva interpretato un personaggio a misura d'uomo come Artemide, un guerriero per scelta che si è allenato ampiamente per guadagnarsi la distinzione. Per ricercare il ruolo, Jovovich ha eseguito simulazioni di combattimento con i soldati a Fort Irwin, fuori Los Angeles, e si è messa in contatto con il capitano Natalie Mallue, una delle poche donne a superare la scuola Ranger dell'esercito americano e conseguentemente guadagnare il suo conto d'élite. Mallue, che ha servito come Cacciatore di mostri Il consigliere militare, ha discusso con l'attrice non solo l'addestramento fisico e tattico di cui avrebbe bisogno per interpretare un Ranger, ma le riserve di forza psicologica richieste dal grado.

Ci sono donne come lei che possono fare queste cose straordinarie, che sono forti ma anche reali e riconoscibili, dice Jovovich. Non c'è nulla di soprannaturale in loro; non sono stati realizzati in un laboratorio. Hanno creato loro stessi.

Cacciatore di mostri è nelle sale ora.