L'autore di fantascienza John Scalzi su SpaceX ed Elon Musk: Il viaggio spaziale è elitario

John Scalzi è un pluripremiato autore di fantascienza di molti, molti romanzi, compreso il suo ultimo lavoro, L'ultimo Emperox , ora disponibile sugli scaffali (virtuali). Si unisce Happy Hour inverso per discutere il libro finale della trilogia dell'Interdipendenza e perché, stranamente, la sua storia sul crollo di un impero un tempo grande non è iniziata come metafora dei nostri tempi attuali.



C'è molta politica, molti conflitti di personalità, alcune esplosioni, alcuni laser, astronavi - sai, tutte le cose buone, dice Inverso .

Scalzi ha rivelato cosa sta lavorando con l'attore di Star Trek Wil Wheaton, il suo narratore Audio libri di interdipendenza , è come; perché i suoi compagni di scuola superiore sono esentati dal leggere i suoi scritti attuali; i suoi rituali di pre-scrittura (avviso spoiler: stai lontano da Twitter se vuoi fare qualcosa); come usa il linguaggio futuristico come veicolo per la narrazione; e i suoi pensieri su Elon Musk e SpaceX.



Ha anche colto l'occasione per fare una lettura speciale del suo nuovo libro, offrendo questo contesto per L'ultimo Emperox prima di immergersi in:



'Di solito i personaggi principali sono persone agli alti livelli della società. E quindi, la parte che sto leggendo è: cosa fanno le persone comuni in questo periodo in cui l'impero sembra che stia per crollare. Come lo affrontano giorno per giorno? La sezione che sto leggendo parla un po 'di come affrontano gli aspetti quotidiani della loro vita quando ci viene detto che il mondo potrebbe cambiare '.

Di seguito sono riportati i punti salienti di Happy Hour inverso:

Su cosa ha ispirato L'ultimo Emperox - Stranamente, non aveva assolutamente nulla a che fare con qualcosa di attuale. Quando sei un autore di fantascienza, in un certo senso prendi idee strane da qualsiasi luogo e cerchi di tirarle su nel futuro. Un giorno, era circa il 2014, stavo pensando a cosa sarebbe successo all'era europea delle esplorazioni, che andava all'incirca dal XIV secolo al XVII e XVIII secolo. Se le correnti oceaniche e gli alisei oceanici si fossero appena fermati, sarebbe stato in grado di raggiungere il nuovo mondo, il nuovo mondo sarebbe stato al sicuro dall'Europa e come sarebbe stata diversa la storia.

Quindi quello era il genere di cose iniziali a cui stavo pensando, ma la cosa divertente è che, se stai pensando alle correnti oceaniche, stai pensando al clima. Se stai pensando al clima, avrai un pensiero rilevante per il tempo di oggi. E più ho scritto questa serie in particolare, più il tipo di realtà si è avvicinato a quello che stavo facendo. Quindi in molti modi, non volevo scrivere qualcosa che fosse rilevante per gli Stati Uniti del 21 ° secolo o il mondo del 21 ° secolo, ma si scopre che è quello che ho finito per fare, e me ne scuso perché il mio universo è terribile posto in cui vivere.



Inverse può ricevere una parte delle vendite se acquisti un prodotto tramite un collegamento in questo articolo. Includiamo solo prodotti che sono stati selezionati in modo indipendente dalla redazione di Inverse.

The Interdependency Series E-book Amazon $ 33,97

Sul fatto che l'umanità debba lasciare la Terra - La cosa su noi che lasciamo la Terra è tutto molto bello, ma non c'è nessun altro pianeta che sia buono per noi come la Terra, e sarà molto, molto più difficile terraformare Marte o Venere o Europa o qualsiasi altra luna o pianeta a cui potresti voler nominare di quello che sarebbe semplicemente prendersi cura del pianeta che abbiamo. Sarà molto più economico prendersi cura di questo pianeta che portare un gran numero di persone sulle stelle.

Sarà molto più economico prendersi cura di questo pianeta .

Qual è il problema. Non importa cosa, la stragrande maggioranza delle persone sulla Terra rimarrà sulla Terra. Il viaggio spaziale - e non lo dico in modo terribile, ma è assolutamente vero - il viaggio spaziale è elitario. I viaggi nello spazio sono per pochissimi. In questo momento, a causa del modo in cui lo facciamo attraverso i finanziamenti pubblici, è per gli astronauti. Ma gli astronauti tendono ad essere super fiduciosi, sai, hanno tutti un master, sono tutti, tipo, esemplari fisici disgustosamente in forma. Quindi sono le persone che arrivano per prime alle stelle.



Chi sono le persone che possono inseguire quelle persone? I miliardari o i milionari. È intrinsecamente elitario portare le persone alle stelle. Quindi quando le persone parlano Oh, dobbiamo andare alle stelle perché questo salverà l'umanità? Sai, non proprio, no. Ciò che salverà l'umanità su larga scala non sta rovinando questo pianeta che abbiamo. Voglio dire, è molto più facile, molto più economico. Potremmo vivere in un modo migliore di quello che facciamo o che ha un impatto minore dal punto di vista ecologico, ma scegliamo semplicemente di non farlo, perché a breve termine ci sono soldi da fare e nel breve termine non lo vogliamo fare .

Quindi forse yay esplorazione dello spazio e yay non fottendo il Pianeta Terra.

-

Un enorme grazie a Scalzi per averci seguito!